logo

facebook
gplus
youtube
© 2010 "Associazione di Promozione Sociale Pagliacci Clandestini" Tutti i diritti riservati - CF: 92069850805

facebook
gplus
youtube
04/02/2017, 19:48



Sumud-Filastie


 27/28 gennaio 2017 ore 21:00



Sumud = Resistenza, Sumud = Palestina.
Con la parola " Sumud" i palestinesi indicano gli ulivi che resistono alle intemperie della natura, con le loro forti radici, quegli ulivi che uniscono tutti i popoli del mediterraneo.
Radici forti che sono quelle che uniscono con
forza i palestinesi alla loro terra, da secoli terra di dominio e dove i sionisti si sono stanziati dai
primi del ’900.
Con questo lavoro Giulio Bufo affronta la questione palestinese e con "Sumud Filastie"
arriva in Palestina, quella terra che i il governo d’occupazione sionista di "Israele" definisce
"terra dei terroristi".
Attraverso le parole di un palestinese si racconta della Palestina che da anni Resiste, della Palestina terra rossa che non ha paura, la Palestina raccontata da Darwish Mahomoud e
Vittorio Arrigoni, da Marwan Barghouti e dai volontari dell’ISM.
Si racconta di persone e storie. Il tutto
dipinte con l’orgoglio della propria
restistanza, con la caparbietà e il
sorriso di un popolo orgoglioso della
sua terra.
Quest’ultimo lavoro teatrale racconta
in modo forte e deciso i fatti che hanno
caratterizzato e determinato la
"questione palestinese".
La storia della Palestina è la storia di
tutti, di tutti i popoli che resistono.
SUMUD FILASTIE
Un attento omaggio al popolo palestinese.
Un lavoro teatrale di e con Giulio Bufo
Aiuto regia Michela Tamborra

Cosa ha detto il pubblico dell’esordio: "Abbiamo respirato un anelito di libertà, condiviso la resistenza di un popolo, l ’esistenza di una terra che grida ai suoi figli la loro appartenenza, l’appartenenza al genere umano...Giulio ha saputo condensare nella bellezza di un racconto emozioni forti e il nostro stesso desiderio di libertà....mi hai commosso con il tuo bellissimo lavoro, con il patos del tuo racconto....grazie!" (Tonia Marsano, insegnante); "Bravo Giulio Bufo, il tuo merito e’ di aver portato in scena con grande coraggio una tematica importante con l’ interpretazione forte ed emozionante. I veri artisti sono rari e scomodi ai poteri forti." (Maria Del Rosso, giornalsita);
"Bravo e coraggioso" (Maria Filograsso, attrice); "Una grande emozione" (Rosa Di Battista); "Un’unica parola: bravo" (Salvatore Marci, attore).
CHI E’ GIULIO BUFO? Il suo teatro rientra nel teatro d’impegno civile e di denuncia, con accenni al cabaret classico. Tra i suoi numerosi lavori si ricordano: Quando la fantasia va via (1996), Nuovocento (2000), E se mi diranno....Tenco (2007), Natale è il 24, il Natale nella vita di un precario giramondo, (2010), SocItalia. La storia d’Italia soffocata in 5 fasi, visione critica della storia d’Italia, (2011), Aut. Il sogno di Peppino (2012), Canto dei deportati (2013), Colino fa acqua da tutte le parti, in collaborazione con il Comitato Acqua Bene Comune, (2013). Con lo spettacolo "Aut. Il Sogno di Peppino", definisce maggiormente la sua poetica teatrale basata sull’unione tra arte e militanza socio-politica, realizzando un tour che lo porterà ad esibirsi in aree di attivismo sociopolitico come Val Di Susa, Niscemi, Bologna, oltre ad esibirsi a Cinisi, in occasione Forum Sociale Antimafia, giornate in memoria di Peppino Impastato. Lo spettacolo "Canto Dei Deportati. Per una memoria del presente", ha raggiunto circa le 50 repliche in diverse parti d’Italia dalla Sicilia alla Val Di Susa, facendo tappa anche in Sardegna all’interno del Festival Internazionale TeatriPeregrini a Santa Teresa di Gallura ed a Busseto, all’interno del Museo Nazionale Giuseppe Verdi.
Dall’Aprile 2014 collabora nell’organizzazione a Molfetta, in provincia di Bari, del festival "Resistenza e Resistenze", una settimana di seminari ed arti avendo come filo conduttore la Resistenza ieri ed oggi, un festival che in tre anni ha avuto la possibilità di ospitare i vari movimenti presenti sul territorio, ma anche gente come Salvo Vitale e Nicoletta Dosio ed artisti come Alessio Lega, Ultimo Teatro, Massimo Zaccari, Brigate Poeti Rivoluzionari. Ha all’attivo numerose collaborazioni fra gli altri con MiloudOukili, Domenico De Ceglia, Maria Filograsso, Vittorio Cosentino ed i musicisti Caparezza, Pino Masi, Roberto D’Elia, con le associazioni Libera, Comitato Acqua Bene Comune, Movimento NoTriv e realtà autogestite. Collabora come formatore teatrale presso diverse scuole ed enti.
E’ stato definito "l’attore dei diseredati".

recensione di Maria Del Rosso da nelmese.com //www.nelmese.com/2016/05/sumud-filastie/
"SUMUD FILASTIE" E’ IL NUOVO LAVORO
DELL’ ATTORE E REGISTA MOLFETTESE
GIULIO BUFO
Grande partecipazione di pubblico per l’ esordio del nuovo lavoro teatrale dal titolo "Sumud Filastie"dell’ attore e regista molfettese, Giulio Bufo.
L’ evento rientra nel programma del festival "Resistenza e Resistenze", dedicato alla resistenza del passato e del presente, ha coinvolto giovani artisti e poeti nella splendida cornice della Sala dei Templari a Molfetta.
Il nuovo progetto teatrale descrive e racconta con toni e forti e decisi i fatti che hanno caratterizzato la questione palestinese e con "Sumud Filastie" si giunge in Palestina, "La terra dei terroristi" cosi’ definita dal governo d’ occupazione sionista di Israele.
I palestinesi con il termine "Sumud" indicano gli ulivi che resistono alle intemperie della natura, con le loro radici importanti e forti, quegli ulivi che uniscono tutti i popoli del mediterraneo.
L’ attore Giulio Bufo attraverso la sua voce e la sua professionalità ha condotto lo spettatore in una terra lontana dalla nostra, in una terra violentata dai folli e dagli assetati di potere e di sangue innocente, in una terra in cui gli uomini hanno perso la dignità e i bambini piangono lacrime amare per il futuro che gli è stato strappato dai ladri di sogni.
L’ obiettivo del nuovo lavoro di Bufo è di portare alla luce e alla memoria la strage sionista nei confronti del popolo palestinese e di scoprire dentro ognuno di noi il senso di comunità, la coscienza critica e il desiderio di non essere indifferenti ma di lottare per la difesa della bellezza della nostra terra come la Palestina. Una terra intrisa di storie e di resistenza, raccontata attraverso le parole di Darwish Mahomoud , Vittorio Arrigoni, Marwan Barghouti e dai volontari dell’ Ism.
"Sumud Filastie" è un viaggio in una terra amara per comprendere la resistenza del popolo palestinese e la triste e cruda verità ignorata dall’ Europa e dai mass media nell’ epoca dell’ indifferenza e del capitalismo.
Maria del Rosso


1